Il Blog

Rimani sempre aggiornato con le nostre news
INSTAGRAM E L’ACQUISTO TRAMITE TAG
17 Nov 2016

INSTAGRAM E L’ACQUISTO TRAMITE TAG

Scritto da Andrea Fiorino

Il mondo dell’E-Commerce diventa sempre più forte e i social media cercano di monetizzare la propria base di utenti. Dopo il lancio di Facebook l’azienda, tramite la controllata Instagram, dovrebbe avviare a breve una fase di test per monetizzare le iterazioni dei propri utenti. l’idea è quella di consentire alle aziende di poter vendere i propri prodotti tramite un semplice tag da inserire all’interno delle proprie foto. Così dopo Faceboook Messanger in arrivo anche il tagging E-Commerce.

UN DOPPIO TAP PER PROCEDERE ALL’ACQUISTO

L’idea è molto semplice è prevede:

  • Possibilità di visualizzare maggiori informazioni al singolo tap dell’utente sul tag;
  • Possibilità di essere reindirizzato alla pagina dedicata al doppio tap.

Il sistema dovrebbe essere lanciato a breve in versione test così tramite 20 grandi aziende scelte da Instagram così da verificare il funzionamento e la vendibilità del progetto su grande scala prima di allargare il bacino di utenza. Un sistema che potrebbe aprire un canale di vendita dalle potenzialità non indifferenti per tutte le aziende che hanno nelle proprie corde il target che è proprio del social controllato da Facebook.

VIOLAZIONE DELLA SFERA PRIVATA?

L’obiettivo dell’azienda di Menlo Park, dopo il lancio di Facebook Mesanger, è molto chiaro: monetizzare la base di utenza e rivaleggiare con le grandi aziende che dominano il mercato dell’E-Commerce. Le idee ci sono ma resta da vedere quanto gli utenti saranno felici di vedersi integrare un sistema di vendita all’interno di una struttura/servizio che per connotazione percepiscono come strettamente personale. Il rischio è quello che un utilizzo errato, massiccio e aggressivo di questi strumenti possa sul lungo termine distruggere “l’effetto sfera privata” che rende un social media quale Facebook o Instagram attraenti per l’utente. Un’ “arma” a doppio taglio anche per le aziende che potrebbero sviluppare soluzioni di inbound marketing con altre potenzialità di resa ma di contraccolpo rischiare di essere etichettate con spam dagli utenti.